Crea sito

ACCONTENTARSI DI UN BASTONE MARCIO



Tratto da “Io e Marley”

Un cane non se ne fa niente di macchine costose, case grandi o vestiti firmati. Un bastone marcio per lui è sufficiente. A un cane non importa se sei ricco o povero, brillante o imbranato, intelligente o stupido, se gli dai il tuo cuore lui ti darà il suo. Di quante persone si può dire lo stesso? Quante persone ti fanno sentire unico, puro, speciale? Quante persone possono farti sentire straordinario?

Tratto da “Io e Marley”

 

PET THERAPY NELLE CARCERI

pettherapy_minori_0.jpg

I vantaggi della Pet Therapy sono ormai riconosciuti a livello globale.
Una delle più recenti applicazioni del principio della mediazione animale nella cura di varie problematiche, specie di carattere comportamentale, è fornita da un esperimeto che si sta svolgendo in Francia e che sta dando ottimi risultati.

A Strasburgo, infatti, i carcerati hanno da qualche mese dei nuovi compagni con cui condividere l’ora d’aria. Si tratta di piccoli cincillà, cavie, porcellini d’india, colombe e furetti ma anche cani che, dall’esterno, ogni giorno vengono condotti nel penitenziario per essere accuditi e coccolati dai detenuti per almeno un’ora. A questi ultimi, spetta la “toilette” delle bestiole e delle loro gabbiette, la passeggiata, l’alimentazione… tutto ciò che attiene al benessere animale, insomma! E l’entusiasmo che accompagna l’iniziativa è sempre ai massimi livelli. Inutile negare infatti che per molti, questa, costituisce l’occasione del “riscatto”, la possibilità di “sentirsi a casa” o, anche, di “fuggire”, dalle celle sovraffollate di una prigione che conta 685 detenuti per 444 posti.

La direttrice Bénédicte Brunelle e la psicologa Patricia Arnoux testimoniano un miglioramento oggettivo nei rapporti tra i detenuti e una loro maggiore propensione a condividere attività come la pulizia dei bagni e degli spazi comuni.

Il bilancio è molto positivo. I “pets” migliorano le relazioni e incitano al lavoro, base della reintroduzione dei detenuti, in futuro. Inoltre, avendo delle “responsabilità” essi riacquistano la fiducia nelle loro capacità e cominciano a ipotizzare un avvenire diverso da quello che hanno sempre immaginato.

Fonte